Bandi nazionali, regionali e locali dedicati alle PMI

Bandi, contributi a fondo perduto e finanziamenti agevolati per le PMI abbonate al Programma Pminnova.

BANDO N. 1

 

TitoloCredito d’imposta Ricerca&Sviluppo

Un credito d’imposta dedicato alle attività di Ricerca e Sviluppo.
I progetti di R&S agevolabili devono soddisfare congiuntamente 5 criteri fondamentali indicati dall’OCSE: aspetto innovativo (novità), creatività (originalità), non predeterminabilità dei risultati e loro sistematicità (rischio finanziario e rischio d’insuccesso tecnico), trasferibilità e/o riproducibilità (diffusione delle conoscenze).
Sono ammissibili al credito d’imposta le seguenti attività di ricerca e sviluppo:

  • ricerca fondamentale, lavori sperimentali o teorici svolti;
  • ricerca industriale, ricerca pianificata o indagini critiche miranti ad acquisire nuove conoscenze;
  • sviluppo sperimentale, acquisizione, combinazione, strutturazione e utilizzo delle conoscenze e capacità esistenti di natura scientifica, tecnologica e commerciale allo scopo di produrre piani, progetti o disegni per prodotti, processi o servizi nuovi, modificati o migliorati;
  • sviluppo sperimentale, produzione e collaudo di prodotti, processi e servizi, a condizione che non siano impiegati o trasformati in vista di applicazioni industriali o per finalità commerciali.

 

A chi si rivolge:

Tutte le imprese, operanti sul territorio nazionale, indipendentemente dalla dimensione, dalla forma giuridica, dal settore economico e dal regime contabile adottato, che effettuano investimenti in attività di ricerca e sviluppo a decorrere dal periodo d’imposta successivo a quello in corso al 31 dicembre 2014 e fino a quello in corso al 31 dicembre 2020.

 

Vantaggi:

Un credito d’imposta nella misura del 25%, elevato al 50% per le spese relative a personale dipendente titolare di un rapporto di lavoro subordinato e contratti stipulati con università, enti di ricerca ed organismi equiparati, start up innovative e PMI innovative.
Finanzia le spese sostenute in eccedenza rispetto alla media dei medesimi investimenti realizzati nei tre periodi d’imposta precedenti.

 

BANDO N. 2

 

Titolo: Piemonte POR – Fesr Innovazione PMI

L’obiettivo della misura è quello di sostenere i programmi di investimento delle PMI finalizzati a introdurre innovazioni nel processo produttivo per trasformarlo radicalmente, al fine di adeguarlo alla produzione di nuovi prodotti, diversificare la produzione o renderlo più efficiente.
Nella fattispecie sono ammissibili ad agevolazione le seguenti spese, da sostenersi dopo la presentazione della domanda:

  • acquisto di macchinari, attrezzature e impianti strumentali al progetto di innovazione classificabili nell’attivo dello Stato patrimoniale alle voci B.II.2, B.II.3 e B.II.4;
  • installazione e posa in opera degli impianti, ivi incluse le opere murarie c.d. di asservimento degli impianti/macchinari acquistati;
  • servizi di consulenza e servizi equivalenti utilizzati ai fini della realizzazione del progetto di investimento;
  • acquisto di licenze, brevetti, know-how o di conoscenze tecniche non brevettate strumentali al progetto di innovazione.

 

A chi si rivolge:

Micro, piccole e medie imprese che:

  •  siano iscritte al Registro delle imprese della Camera di Commercio;
  • non siano sottoposte a procedure concorsuali;
  • abbiano l’unità locale produttiva e attiva in Piemonte;
  • abbiano un codice ATECO primario compreso tra quelli indicati nel bando o dimostrino di possederlo a conclusione dell’investimento.

 

Vantaggi:

Finanziamento a tasso agevolato fino al 100% del programma (con componente mista regionale a tasso 0 e bancaria a tasso convenzionato) abbinato a un contributo in forma di abbuono di interessi calcolato sulla quota di finanziamento bancario a un tasso fisso convenzionale pari al 2,75%.

BANDO N. 3

 

Titolo: Piemonte – POR Internazionalizzazione

Operativa la nuova misura regionale che concede finanziamenti agevolati a sostegno dei progetti di internazionalizzazione dell’impresa.
L’obiettivo della misura è quello di sostenere i programmi di investimento delle PMI finalizzati alla pianificazione, all’avvio, al consolidamento di percorsi di internazionalizzazione e all’incremento della competitività sui mercati stranieri.
Nella fattispecie sono ammissibili ad agevolazione le seguenti spese, da sostenersi dopo la presentazione della domanda:

  • acquisto di impianti, macchinari e attrezzature nuovi di fabbrica a uso produttivo, strumentali al progetto di internazionalizzazione, nel limite del 40% delle spese ammissibili;
  • installazione e posa in opera degli impianti, ivi incluse le opere murarie di esclusivo asservimento degli impianti/macchinari acquistati (nel limite del 20% degli investimenti ammessi di cui al precedente punto);
  • acquisto di licenze, brevetti, know-how o di conoscenze tecniche non brevettate strumentali al progetto di internazionalizzazione;
  • costi per la partecipazione ad eventi fieristici all’estero nel limite del 20% delle spese ammissibili;
  • servizi di consulenza e servizi equivalenti, utilizzati esclusivamente ai fini della realizzazione del progetto di internazionalizzazione, nel limite del 50% delle spese ammissibili;
  • realizzazione di iniziative di tipo promozionale/commerciale a valenza internazionale;
  • adozione strumenti di digital economy.

 

A chi si rivolge:

Micro, piccole e medie imprese che:

  •  siano iscritte al Registro delle imprese della Camera di Commercio;
  • non siano sottoposte a procedure concorsuali;
  • abbiano l’unità locale produttiva e attiva in Piemonte;
  • abbiano un codice ATECO primario compreso tra quelli indicati nel bando.

 

Vantaggi:

Finanziamento a tasso agevolato fino al 100% del programma, con componente mista regionale a tasso 0 e bancaria a tasso convenzionato.

 

BANDO N. 4

 

Titolo: Smart & Start Italia

Un finanziamento a tasso 0 per sostenere la nascita e lo sviluppo di start up innovative su tutto il territorio nazionale.

 

A chi si rivolge:

Start up innovative, che, alla data di presentazione della domanda, possiedano i seguenti requisiti:

  1. siano costituite da non più di 60 mesi e iscritte nell’apposita sezione speciale del Registro delle imprese di cui all’art. 25, comma 8, del decreto-legge n. 179/2012, convertito dalla legge n. 221/2012;
  2. di piccola dimensione;
  3. con sede legale e operativa ubicata su tutto il territorio nazionale;
  4. siano nel pieno e libero esercizio dei propri diritti, non sianoin liquidazione volontaria o sottoposte a procedure concorsuali. Possono richiedere le agevolazioni anche le persone fisiche che intendono costituire una start up innovativa, purché l’impresa sia formalmente costituita entro 30 giorni dalla comunicazione di ammissione all’agevolazione. Sono escluse dall’agevolazione le iniziative riconducibili ai settori della produzione primaria dei prodotti agricoli e carboniero relativamente agli aiuti per agevolare la chiusura di miniere non competitive. ​

 

Vantaggi:

Un finanziamento agevolato a tasso zero, per un importo pari a:

  • 80% delle spese ammissibili
  • 90% delle spese ammissibili nel caso in cui la compagine societaria, alla data di presentazione della domanda, sia interamente costituita da giovani di età non superiore a 35 anni e/o donne, o preveda la presenza di almeno un esperto, in possesso di titolo di dottore di ricerca o equivalente da non più di 6 anni e impegnato stabilmente all’estero in attività di ricerca o didattica da almeno un triennio.

Per favorire la creazione di Piani d’impresa funzionali alla realizzazione del progetto – da avviare successivamente alla presentazione della domanda – aventi ad oggetto l’acquisizione di:

  1. immobilizzazioni materiali
  2. immobilizzazioni immateriali necessarie all’attività oggetto dell’iniziativa agevolata;
  3. servizi funzionali alla realizzazione del piano d’impresa
  4. personale dipendente e collaboratori

É altresì ammissibile un importo a copertura delle esigenze di capitale circolante nel limite del 20% delle spese di cui sopra complessivamente ritenute ammissibili.

 

BANDO N. 5

 

Titolo: Voucher Temporary Export Manager

Un finanziamento concesso al tasso agevolato del 10% del tasso di riferimento comunitario, di importo fino al 100% delle spese preventivate ammissibili, fino a un massimo del 12,50% dei ricavi medi risultanti dagli ultimi due bilanci approvati e depositati per un ammontare compreso tra 25.000 e 150.000euro.
La misura è dedicata alle imprese italiane che vogliono incentivare, attraverso la concessione di finanziamenti a tasso agevolato, l’inserimento temporaneo in azienda di TEM (Temporary Export Manager) per la realizzazione di progetti di internazionalizzazione sui mercati extra UE.

 

A chi si rivolge:

Società di capitali in forma singola o di Rete Soggetto che abbiano depositato presso il Registro imprese almeno due bilanci relativi a due esercizi completi ed abbiano un codice ATECO primario compreso tra quelli indicati nel bando.

 

Vantaggi:

  • Finanziamento a tasso agevolato pari al 10% del tasso di riferimento UE;
  • Realizzare progetti di internazionalizzazione con un Temporary Export Manager;
  • Possibilità di ottenere una prima erogazione per un importo pari al 50% del finanziamento;
  • Minori garanzie da prestare, anche in alternativa alla fideiussione bancaria, ad es. “cash collateral” costituito in pegno

 Il suo Gestore Imprese o la sua filiale di riferimento sono a disposizione al fine di attivare l’iter necessario in caso di interesse a partecipare ad uno dei bandi sopra elencati.