Bandi nazionali, regionali e locali dedicati alle PMI

Bandi, contributi a fondo perduto e finanziamenti agevolati per le PMI abbonate al Programma Pminnova.

BANDO N. 1
 

Titolo:  SIMEST – Un cambiamento epocale

Il Decreto Crescita (D.L. n. 34/2019), recentemente convertito in legge e pubblicato in Gazzetta Ufficiale, ha disposto l’estensione di tutte le misure agevolative SIMEST già operative (Mercati Esteri, Assistenza tecnica, Patrimonializzazione e Fiere) ai paesi dell’Unione Europea.
Si potrà quindi beneficiare, per progetti da realizzarsi sia in ambito europeo che extra-europeo, di finanziamenti a tasso agevolato al 10% del tasso di riferimento UE, fino al 100% delle spese ammissibili.
Sono in corso di pubblicazione nuove misure agevolative dedicate alla realizzazione di progetti di internazionalizzazione tramite l’inserimento temporaneo in azienda di figure professionali specializzate (Temporary Export Manager) e l’avvio di attività e di percorsi di E-commerce.
Non resta che aspettare la pubblicazione delle Circolari attuative con le quali SIMEST validerà il nuovo assetto normativo.

BANDO N. 2
 

Titolo: Nuova Sabatini – novità importanti

È stato aumentato fino a un massimo di 4 milioni di euro il plafond per le PMI che intendono richiedere finanziamenti attraverso la legge Nuova Sabatini.
Al 16 luglio risultano ancora disponibili 302 milioni di euro.
La misura in oggetto agevola l’acquisizione di beni strumentali d’impresa e nella fattispecie di macchinari, impianti, attrezzature, hardware e software per la realizzazione di programmi di investimento relativi alla creazione o all’ampliamento di unità produttive, alla diversificazione della produzione, al cambiamento nel processo produttivo e all’acquisizione di asset per evitare la chiusura di uno stabilimento.

 

A chi si rivolge:

PMI, regolarmente iscritte al Registro delle imprese e con sede operativa sul territorio nazionale, operanti in tutti i settori (incluse le aziende agricole, della pesca e acquacoltura).
E’ escluso il settore finanziario-assicurativo.

Vantaggi:

Concessione di finanziamenti o leasing – che potranno coprire la totalità dell’investimento, con importo minimo pari a 20mila euro e massimo di 4 milioni di euro per ciascuna impresa richiedente – da parte di banche o società di leasing convenzionate con il MISE, di durata non superiore a cinque anni dalla data di stipula del contratto, a fronte di investimenti da avviare successivamente alla richiesta di finanziamento.
Alle imprese sarà riconosciuto un contributo in conto impianti calcolato convenzionalmente come un abbattimento degli interessi pari al 2,75% su un finanziamento di 5 anni erogato in quote annuali costanti.
Prevista una maggiorazione del 30% sul contributo base (abbattimento interessi pari al 3,575%) per programmi di investimento relativi all’acquisizione di sistemi di tracciamento e pesatura dei rifiuti e di macchinari, impianti e attrezzature aventi come finalità la realizzazione di investimenti in tecnologie “Industria 4.0”, quali i progetti relativi a big data, cloud computing, banda ultralarga, cybersecurity, robotica avanzata e meccatronica, realtà aumentata, manifattura 4D, Radio frequency identification (RFID).

BANDO N. 3
 

Titolo: Piemonte: POR – FESR Innovazione PMI

L’obiettivo della misura è quello di sostenere i programmi di investimento delle PMI finalizzati a introdurre innovazioni nel processo produttivo per trasformarlo radicalmente, al fine di adeguarlo alla produzione di nuovi prodotti, diversificare la produzione o renderlo più efficiente.
Nella fattispecie sono ammissibili ad agevolazione le seguenti spese, da sostenersi dopo la presentazione della domanda:

  • acquisto di macchinari, attrezzature e impianti strumentali al progetto di innovazione classificabili nell’attivo dello Stato patrimoniale alle voci B.II.2, B.II.3 e B.II.4
  • installazione e posa in opera degli impianti, ivi incluse le opere murarie c.d. di asservimento degli impianti/macchinari acquistati
  • servizi di consulenza e servizi equivalenti utilizzati ai fini della realizzazione del progetto di investimento
  • acquisto di licenze, brevetti, know-how o di conoscenze tecniche non brevettate strumentali al progetto di innovazione 

 

A chi si rivolge:

Micro, piccole e medie imprese che:

  • siano iscritte al Registro delle imprese della Camera di Commercio;
  • non siano sottoposte a procedure concorsuali;
  • abbiano l’unità locale produttiva e attiva in Piemonte;
  • abbiano un codice ATECO primario compreso tra quelli indicati nel bando o dimostrino di possederlo a conclusione dell’investimento.

Vantaggi:

Finanziamento a tasso agevolato fino al 100% del programma (con componente mista regionale a tasso 0 e bancaria a tasso convenzionato) abbinato a un contributo in forma di abbuono di interessi calcolato sulla quota di finanziamento bancario a un tasso fisso convenzionale pari al 2,75%.

BANDO N. 4
 

Titolo: Piemonte: POR Internazionalizzazione

Operativa la nuova misura regionale che concede finanziamenti agevolati a sostegno dei progetti di internazionalizzazione dell’impresa.
L’obiettivo della misura è quello di sostenere i programmi di investimento delle PMI finalizzati alla pianificazione, all’avvio, al consolidamento di percorsi di internazionalizzazione e all’incremento della competitività sui mercati stranieri.
Nella fattispecie sono ammissibili ad agevolazione le seguenti spese, da sostenersi dopo la presentazione della domanda:

  • acquisto di impianti, macchinari e attrezzature nuovi di fabbrica a uso produttivo, strumentali al progetto di internazionalizzazione, nel limite del 40% delle spese ammissibili;
  • installazione e posa in opera degli impianti, ivi incluse le opere murarie di esclusivo asservimento degli impianti/macchinari acquistati (nel limite del 20% degli investimenti ammessi di cui al precedente punto);
  • acquisto di licenze, brevetti, know-how o di conoscenze tecniche non brevettate strumentali al progetto di internazionalizzazione;
  • costi per la partecipazione ad eventi fieristici all’estero nel limite del 20% delle spese ammissibili;
  • servizi di consulenza e servizi equivalenti, utilizzati esclusivamente ai fini della realizzazione del progetto di internazionalizzazione, nel limite del 50% delle spese ammissibili;
  • realizzazione di iniziative di tipo promozionale/commerciale a valenza internazionale;
  • adozione strumenti di digital economy.

 

A chi si rivolge:

Micro, piccole e medie imprese che:

  • siano iscritte al Registro delle imprese della Camera di Commercio;
  • non siano sottoposte a procedure concorsuali;
  • abbiano l’unità locale produttiva e attiva in Piemonte;
  • abbiano un codice ATECO primario compreso tra quelli indicati nel bando.

 

Vantaggi:

Finanziamento a tasso agevolato fino al 100% del programma, con componente mista regionale a tasso 0 e bancaria a tasso convenzionato.

 Il suo Gestore Imprese o la sua filiale di riferimento sono a disposizione al fine di attivare l’iter necessario in caso di interesse a partecipare ad uno dei bandi sopra elencati.