Bandi del programma europeo “HORIZON 2020”, seguiti dal Politecnico di Torino

“Horizon Europe” è il principale programma di finanziamento dell’UE per la ricerca e l’innovazione con un budget di 95,5 miliardi di euro che è partito nel mese di maggio del 2021 e andrà avanti sino al dicembre 2027.
“Horizon Europe” intende affrontare il cambiamento climatico, aiutare a raggiungere gli obiettivi di sviluppo sostenibile delle Nazioni Unite e stimolare la competitività e la crescita dell’UE.
Il programma faciliterà la collaborazione e rafforzerà l’impatto della ricerca e dell’innovazione nello sviluppo, nel sostegno e nell’attuazione delle politiche dell’UE, affrontando al contempo le sfide globali. Il nuovo programma inoltre sosterrà la creazione e una migliore dispersione di conoscenze e tecnologie eccellenti.
Infine una delle priorità che l’UE intende raggiungere è quella di creare nuovi posti di lavoro, stimolando la crescita economica, promuovendo la competitività industriale e ottimizzando l’impatto degli investimenti all’interno di uno Spazio europeo della ricerca rafforzato.

Parole chiave: sistemi energetici innovativi, ricerca e innovazione.

BANDO N. 1

 

Area: Horizon Europe Framework Programme (HORIZON)

Titolo: Facilitare l’impegno nello sviluppo globale della standardizzazione ICT (CSA)

Codice: HORIZON-CL4-2024-HUMAN-01-61

Data di chiusura: 19 Marzo 2024

Obiettivi:

Condividere informazioni sugli ecosistemi globali di standardizzazione settoriale delle TIC e sul coinvolgimento delle parti interessate europee nei contesti di standardizzazione globale.
Si prevede che i progetti contribuiranno ai seguenti risultati:

  • Istituzione di una struttura per sostenere la partecipazione di specialisti europei nelle organizzazioni internazionali di sviluppo di standard ICT (SDO) e nei forum e nei consorzi globali, che dovrebbe aumentare l’influenza dell’Europa nella standardizzazione delle ICT, compresa la rappresentanza nella leadership e nelle posizioni chiave, per promuovere l’incorporazione di Requisiti, valori e interessi europei nella standardizzazione delle TIC;
  • Sviluppare e aggiornare il panorama settoriale della standardizzazione delle TIC e l’analisi delle lacune delle esigenze di standardizzazione delle TIC a sostegno delle politiche dell’UE, come delineato nel piano progressivo per la standardizzazione delle TIC;
  • Cooperare, sincronizzarsi e realizzare lo sviluppo delle capacità con altre iniziative simili o attori europei, compresi progetti di ricerca e innovazione finanziati dall’UE (e nazionali); fornire un forum per l’analisi previsionale in diversi settori;
  • Aumentare la consapevolezza sullo sviluppo della standardizzazione delle TIC;
  • Sostenere finanziariamente gli incontri di standardizzazione in Europa delle SDO internazionali e dei forum e consorzi globali, in modo che gli attori europei abbiano condizioni più facili per la partecipazione.

Scopo:
Questa azione contribuirà al raggiungimento degli obiettivi enunciati nella strategia di normazione dell’UE e al conseguimento degli obiettivi del Green Deal europeo e del decennio digitale europeo, in particolare sostenendo la posizione leader dell’UE nella definizione di norme globali come precursore nelle tecnologie chiave e promuovendo l’UE valori fondamentali, sostenendo e rafforzando la partecipazione delle parti interessate europee allo sviluppo di specifiche tecniche e standard aperti con l’obiettivo di rafforzare la competitività e la sovranità europea, promuovere i valori e l’etica europei e rafforzare l’adozione, la scalabilità e l’interoperabilità intersettoriale delle loro soluzioni tecnologiche. Questa azione sosterrà, tra le altre, gli sforzi della Commissione per affrontare le questioni cruciali legate a Internet, ai chip affidabili e protetti o agli standard dei dati, come descritto nella strategia di standardizzazione dell’UE.
L’obiettivo è rafforzare la presenza di esperti dell’UE e degli Stati associati sulla scena globale della standardizzazione delle TIC, istituendo un osservatorio sulla standardizzazione delle TIC e una struttura che sostenga la partecipazione dei principali specialisti europei (in particolare delle PMI, delle parti interessate della società e del mondo accademico) ai principali eventi internazionali e organizzazioni globali di sviluppo di standard. In particolare, il progetto dovrebbe prevedere azioni relative agli argomenti del piano continuativo per la standardizzazione delle TIC e alla standardizzazione di Internet.
L’azione contribuirà inoltre all’obiettivo di promuovere l’innovazione all’avanguardia dell’UE che promuova standard tempestivi, coordinandosi con altri progetti e azioni finanziati dall’UE che potrebbero contribuire con i loro risultati alla standardizzazione delle TIC, nonché con i PPP e le imprese comuni sostenuti dall’UE, ricerca di sinergie.
Per raggiungere questi obiettivi, le proposte relative a questo argomento dovrebbero prevedere:

  • Analisi del panorama e delle lacune della standardizzazione internazionale delle TIC, compresa l’identificazione di settori e ambiti, in particolare nell’ambito della standardizzazione di Internet, della rete quantistica, dell’IoT, della comunicazione mobile 6G, dei dati, dell’edge computing, dell’intelligenza artificiale, dell’eGovernment, della blockchain/DLT, del cyber sicurezza, città e comunità intelligenti, data center, chip affidabili, robotica, certificazione dell’economia circolare, ecc;
  • Creazione di una struttura di gestione per supportare i contributi e la leadership (ad esempio presidenza di comitati tecnici, posizioni di convenor) di specialisti europei (inclusi quelli provenienti dalle PMI e dal mondo accademico) nelle attività relative alla standardizzazione internazionale, anche negli SDO, nei forum e nei consorzi ICT globali;
  • Se opportuno, sostenere finanziariamente l’organizzazione di riunioni e workshop sulla standardizzazione in Europa per facilitare la partecipazione di esperti europei;
  • Facilitazione di un comitato di previsione, che collabora con gli sviluppi rilevanti in corso nei progetti di ricerca e innovazione finanziati dall’UE e dagli Stati membri nazionali, in particolare con progetti che hanno individuato risultati della standardizzazione o con potenziali risultati rilevanti per contribuire alla standardizzazione, comprese anche altre azioni di coordinamento e sostegno e i pertinenti partenariati europei;
  • Promozione della rilevanza e dei vantaggi della standardizzazione delle TIC, in particolare per la competitività dell’industria europea, promuovendo sostenibilità, sovranità, accordo verde, valori ed etica. La proposta comprenderà anche azioni, compreso lo sviluppo di strumenti e materiali, per promuovere l’educazione sulla standardizzazione delle TIC.


Dotazione finanziaria
: 30 Milioni di Euro

BANDO N. 2

 

Area:  HORIZON Azioni di ricerca e innovazione (RIA)

Titolo: Intelligenza collaborativa: combinazione del meglio della macchina e dell’uomo (AI Data and Robotics Partnership) (RIA)

Codice: HORIZON-CL4-2024-HUMAN-01-07

Data di chiusura: 19 Marzo 2024

Obiettivi:

Si prevede che i progetti contribuiranno ai seguenti risultati:

  • Dimostrare il valore della collaborazione e dell’interazione uomo-macchina migliorando l’efficacia, l’intuitività, l’efficienza, la completezza, l’indicazione dei limiti della conoscenza e altre misure soggettive oggettive o quantificabili;
  • Dimostrare come il processo decisionale collaborativo migliora rispetto al processo decisionale umano e che le decisioni collaborative coprono tutte le fasi del ragionamento (che sono basate su una migliore copertura di dati e fonti di conoscenza, su una migliore capacità analitica di ragionare dall’input all’output, e su una decisione ben comunicata).

Si prevede che le proposte riguardino almeno uno dei risultati attesi.
Scopo:
Le priorità di ricerca e innovazione richiedono lavoro a diversi livelli, compresa la ricerca di base e sforzi pilota ben studiati, concentrati in progetti di grande impatto, che portino una massa critica di competenze e investimenti per dimostrare il potenziale rispettivamente per più di uno dei principali settori di applicazione.
La ricerca dovrebbe concentrarsi su:

  • ricerca fondamentale verso la prossima generazione di intelligenza artificiale collaborativa, apportando eccellenza, massa critica e approcci innovativi, nonché un miglioramento quantitativamente provato dei livelli di collaborazione uomo-macchina;
  • simulazioni e sperimentazioni (con e senza esseri umani nel ciclo) per esplorare le conseguenze di diversi interventi e/o per esplorare gli approcci progettuali che aiutano a gestire il processo decisionale;
  • integrare i progressi derivanti dall’interazione uomo-computer [efficace, efficiente, anticipativa, multimodale] e dai sistemi di ragionamento automatico [incrementali, continuamente appresi o anticipativi], al fine di creare nuove generazioni di sistemi di intelligenza artificiale collaborativi che servano meglio e in modo più naturale bisogni umani. I mezzi di collaborazione possono coprire l’intera gamma di stimoli multimodali: linguistici, immagini, video, suoni e altre forme di interazione, qualunque sia probabilmente il più appropriato nel processo di interazione;
  • Promozione della collaborazione e dell’interazione uomo-macchina: operativo per un’ampia gamma di sistemi di ragionamento dell’intelligenza artificiale e applicabile a un’ampia gamma di aree di applicazione dell’intelligenza artificiale.

Verrà selezionata almeno una proposta incentrata sulla collaborazione e l’interazione uomo-macchina e almeno una incentrata sul processo decisionale collaborativo. Le proposte dovrebbero indicare chiaramente quale dei due settori affrontano.
Le attività di ricerca multidisciplinare dovrebbero affrontare tutti i seguenti aspetti:

  • Le proposte dovrebbero coinvolgere competenze adeguate nel campo delle scienze sociali e umanistiche (SSH), compresa la conoscenza sulle disuguaglianze di genere e intersezionali;
  • La ricerca dovrebbe basarsi sugli standard esistenti o contribuire alla standardizzazione. Dovrebbe essere affrontata l’interoperabilità per la condivisione dei dati, in particolare attraverso l’attuazione dei principi FAIR sui dati e l’adozione di schemi e ontologie di metadati standardizzati e orientati alla disciplina;
  • Si prevede che le proposte dedicheranno compiti e risorse per collaborare e fornire input alla sfida dell’innovazione aperta nell’ambito di HORIZON-CL4-2023-HUMAN-01-04 affrontando la spiegabilità e la robustezza. Si prevede che i gruppi di ricerca coinvolti nelle proposte partecipino alle rispettive sfide dell’innovazione;
  • I progetti dovrebbero inoltre basarsi o ricercare la collaborazione con progetti esistenti e sviluppare sinergie con altre iniziative, programmi di finanziamento e piattaforme pertinenti a livello europeo, nazionale o regionale;
  • Contribuire a far sì che le soluzioni di intelligenza artificiale e robotica soddisfino i requisiti di un’intelligenza artificiale affidabile, basata sul rispetto dei principi etici e dei diritti fondamentali, compresi aspetti critici come robustezza, sicurezza, affidabilità, in linea con l’approccio europeo all’intelligenza artificiale. I principi etici devono essere adottati fin dalle prime fasi di sviluppo e progettazione e, ove pertinente, si dovrebbe tenere conto della sensibilità di genere.

Si prevede che tutte le proposte incorporino meccanismi per valutare e dimostrare i progressi (con KPI qualitativi e quantitativi, benchmarking e monitoraggio dei progressi, nonché casi d’uso applicativi illustrativi che dimostrino un potenziale valore aggiunto concreto) e condividano risultati comunicabili con la comunità europea di ricerca e sviluppo, attraverso la piattaforma AI-on-demand o piattaforma industriale digitale per la robotica, risorse della comunità pubblica, per massimizzare il riutilizzo dei risultati, sia da parte degli sviluppatori, sia per l’adozione, e ottimizzare l’efficienza dei finanziamenti; potenziare l’ecosistema europeo di intelligenza artificiale, dati e robotica attraverso la condivisione di risultati e migliori pratiche.

Dotazione finanziaria: 20 Milioni di Euro

Il suo Gestore Imprese o la sua filiale di riferimento sono a disposizione al fine di attivare l’iter necessario in caso di interesse a partecipare ad uno dei bandi sopra elencati.